Come lavoro

In questa pagina troverai risposta alle seguenti domande:

Chi è Corpaccini Laura?

Mi posso fidare?

Come organizzi la consulenza?

Quanto costa?

Fai degli sconti?

Fai il primo colloquio gratuito?


Chi è Laura Corpaccini?

profiloRispetto a questo non ho molto da aggiungere alla descrizione fatta nella sezione “chi sono”. Posso dirti che sono colei che scrive gli articoli di questo blog, sono colei che gestisce la pagina facebook Sos Mamme e Papà, sono colei che gestisce il canale Youtube “ParliamonePsyc Family”. Ho deciso di darti la possibilità di conoscermi attraverso diversi canali e attraverso diverse piattaforme, in modo da essere il più chiara possibile rispetto al mio pensiero e al mio modo di intendere la psicologia.

Ma mi posso fidare?

  • Prima di partire con il percorso di sostegno psicologico, valuto insieme al cliente/paziente obiettivi e tempistiche realistiche. L’accettazione da parte di entrambi di queste premesse sono conditio sine qua non per l’avvio del sostegno.
  • Alla fine dei colloqui di assessment (i primi colloqui valutativi), firmeremo entrambi un contratto che sancisce i nostri diritti e doveri in qualità di psicologo e cliente/paziente, dove si riassumeranno le decisioni condivise rispetto al sostegno che si intende avviare.
  • Se durante la fase di assessment capisco che il mio intervento dovrebbe essere coadiuvato o interamente gestito da un altro professionista, lo comunico e spiego chiaramente e procedo con l’invio parziale o totale.
  • Il percorso deciso inizialmente non è fisso e rigido, ma è mutabile in base a nuove esigenze e bisogni successivi. L’idea è che il percorso deve essere d’aiuto per chi lo riceve. Se così non fosse, si rivedono gli obiettivi e le tecniche usate o decise in precedenza.
  • Qualora si riscontri che il percorso non stia procedendo come si vorrebbe o che non stia dando i risultati sperati, lo si interrompe e si decide, insieme, di conseguenza il da farsi.

Come organizzi la consulenza?

Il primo contatto, solitamente, lo ricevo telefonicamente. Già a questo punto, io considero il percorso avviato, che si proceda o meno alla presa in carico. Si valuta brevemente la situazione riportata e rispondo alle domande che mi vengono rivolte. Se non posso rispondere a tutte le curiosità, rimando al blog o alle altre piattaforme in cui sono presente.

I primi incontri (1 o 2 al massimo) sono i cosiddetti incontri di assessment, in cui si valuta la situazione nel dettaglio, faccio domande basilari per capire il problema riportato e gli obiettivi, speranze, aspettative della persona. Scopo di questi colloqui è quello di decidere insieme se iniziare il percorso di sostegno psicologico e gli obiettivi su cui lavorare. Al termine del colloquio si consegnerà il contratto personalizzato con riferimenti agli obiettivi, alle tempistiche, alle modalità di pagamento, ai diritti e doveri di entrambi i partecipanti. Lo si firmerà al colloquio successivo, per avere il tempo di ragionarci e leggerlo con calma.

Solitamente i colloqui sono a cadenza settimanale, ma è possibile decidere per una formula diversa. Al termine del periodo prefissato o a scadenza mensile, solitamente chiedo un feedback al paziente/cliente rispetto l’andamento del percorso.

Quanto costa?

  • colloquio base, singolo: 50 euro
  • colloquio base di coppia: 65 euro a colloquio
  • colloquio di gruppo: 80 euro a colloquio
  • colloqui diagnostici: da 100 a 150 euro a psico-diagnosi
  • ogni incontro dei corsi: da 15 a 20 euro a persona

Questi sono i prezzi per colloqui di base (in studio, senza tecniche particolari). I prezzi variano in base al luogo (ad esempio, per quelli residenziali) e alle tecniche usate (osservazione, video terapy, test,…). Per questo è davvero difficile dare un prezzo per tutte le condizioni possibili, anche perché spesso devo valutarli caso per caso, ma ne verrete messi a conoscenza prima di iniziare il colloquio.

Fai degli sconti?

Permettetemi di fare una premessa, che mi sta molto a cuore e che può rispondere in anticipo a delle domande o delle considerazioni che molto spesso mi vengono fatte, essendo io “lavoratrice del sociale“. E’ tempo di crisi, e la crisi c’è per tutti, per voi e per me. Questo, se da un lato mi permette di capire quanto sia difficile oggi intraprendere un percorso di questo tipo, dall’altro mi impedisce di lavorare gratuitamente per tutti quelli che lo richiedono, nonostante l’aiuto e il supporto psicologico in un periodo difficile della propria vita, non lo si debba negare a nessuno. Ma visto che questo è il mio lavoro ed è per questo che ho studiato e ancora oggi mi formo/aggiorno e da cui mi guadagno da vivere, faccio sconti, questo sì, e cerco di venire incontro il più possibile alle persone che ne hanno bisogno, ma nel caso non fosse abbastanza per la situazione critica di una famiglia o di una persona, invio al servizio pubblico, con il quale ho collaborato e collaboro tuttora, non per egoismo, ma per pura necessità di essere pagata e offrire comunque la possibilità di ascolto a chi non può permettersi un intervento privato.

Detto questo, ecco le soluzioni che offro:

  • Pacchetti di sedute, pagate anticipatamente, con un prezzo ribassato.
  • Sconti periodici (del 20% o 30%) o nei mesi di vacanza
  • Sconto del 50% a seguito di valutazione ISEE

Fai il primo colloquio gratuito?

Vi invito a leggere il mio articolo dove spiego chiaramente la mia posizione rispetto a questo argomento.


Altre domande? Vorreste sapere qualche cosa di più? Io sono qui, non esitate a contattarmi, senza impegno, ovviamente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...